Nuovi 1000 posti aula studio in arrivo!

Grazie alle nostre mobilitazioni è stato approvato lo stanziamento di 200 mila euro da parte della nostra università per l’apertura di nuove aule studio in città, per un totale di 1000 posti per 200 giorni all’anno.

Questa iniziativa ci ha coinvolti direttamente a cominciare dalla scorsa sessione estiva, quando grazie all’occupazione dell’aula studio Vetrina e non solo siamo riusciti ad ottenere ripetutamente dei tavoli di confronto con il nostro Ateneo. Proprio in quei momenti abbiamo espresso a gran voce le necessità e i bisogni degli studenti e delle studentesse. Ci impegneremo affinché tutti gli studenti vengano coinvolti nella scelta di sedi e orari dei nuovi posti, e affinché siano assicurati spazi che pongano ciascuno nelle migliori condizioni per studiare.

Siamo soddisfatti di questi passi in avanti ma il nostro impegno non si ferma qui: continueremo a denunciare le carenze che come studenti viviamo quotidianamente nella nostra Università, che ha deciso finalmente di impegnarsi per far fronte a delle problematiche reali che viviamo quotidianamente e che da mesi ci occupiamo di denunciare!

Se sei interessato/a leggi di seguito cosa è successo negli scorsi mesi:

Durante le settimane che hanno preceduto la scorsa sessione estiva e durante la sessione stessa è stato reso evidente il disagio che può creare la chiusura di aule studio nei fine settimana e la mancanza di spazi alternativi dove poter studiare.
Noi ci siamo mobilitati fin da subito, come ogni anno, per risolvere il problema.

1) abbiamo lanciato un photobombing in occasione della chiusura delle aule studio durante il ponte del Santo (https://goo.gl/Q7DxLd);

2) abbiamo tenuto aperta la nostra sede come aula studio (https://goo.gl/x6dsaU);

3) successivamente abbiamo messo per iscritto le richieste emerse dalla nostra assemblea che sono state poi fatte pervenire all’Ateneo ( https://goo.gl/VgxgKL);

4) in assenza di una risposta da parte dell’Ateneo, abbiamo tenuto aperta l’aula studio Vetrina oltre l’orario di chiusura per consentire a quante più persone possibile di studiare in un ambiente idoneo e accessibile (https://goo.gl/ozT2e7);

5) abbiamo inoltre inviato comunicazione di questa azione al presidente della Scuola di Scienze Umane.

 SOLTANTO IN SEGUITO AI FATTI DELL’AULA STUDIO VETRINA siamo stati convocati dalla prorettrice alla didattica per un incontro durante il quale abbiamo ribadito le necessità degli studenti e delle studentesse dell’unipd (https://goo.gl/7JFvKL).
Tutto ciò ha portato alla stesura di un documento scritto dal Consiglio degli Studenti e all’apertura di un confronto ufficiale con l’Ateneo per provare a rendere concreti alcuni di questi punti, valutando la sostenibilità economica delle nostre richieste.

___

Libertà è partecipazione
Il Sindacato degli Studenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *