Senza tetto dove andiamo, senza casa non studiamo

La situazione con gli affitti è drammatica, servono risposte dall'Università e dal comune, dobbiamo farci sentire. Lanciamo un'inchiesta sulla situazione abitativa dellə studentə, ed abbiamo bisogno della tua storia. Raccontala nel form, e condividilo con chi ha avuto problemi a trovare casa; solo raccogliendo tutte le storie assieme potremo farci ascoltare dall'università e dalla città!

 


Inchiesta studentesca: per noi, a Padova, c'è sempre meno posto


All'inizio di quest’anno accademico abbiamo trovato una situazione critica riguardo agli affiti per lə studentə . Discriminazioni di vario genere da parte dei proprietari, canoni troppo alti, residenze inefficienti e chi più ne ha più ne metta. Da città accogliente e piena di studentə, Padova sta divenendo inospitale, e sta perdendo parte del suo cuore pulsante. Tra rincari e mancanza di case, turistificazione e gentrificazione delle zone centrali ci avviciniamo sempre di più alla situazione Bolognese. Abbiamo cercato di cogliere il disagio abibativo che lə studentə soffrono tramite testimonianze e questionari, e cercheremo di raccontare come la città che tuttə noi vorremmo vivere si sta sempre più allontanando

Università in presenza, ma lo sarà per tuttə?

L'università sta finalmente riprendendo totalmente in presenza per tuttə, eppure molti di noi non potranno viverla, e dovranno frequentare in Dad nonostante vorrebbero vivere l'esperienza universitaria in toto; centinaia di studentə rimarranno a casa. Se vogliamo un'università aperta veramente, tuttə dobbiamo poterla frequentare dal vivo

Discriminazioni

Come in ogni ambito della nostra vita, anche le discriminazioni entrano in gioco nella ricerca degli affitti. Proprietarə di casa che rifiutano studentə perché stranierə, a volte cercando scuse di troppa documentazione per rifiutare persone che hanno scelto Padova per venire a studiare da ogni dove. 

Vengono discriminatə studentə dal sud-italia, quando l’Università di Padova ha da sempre studentə da tutto il suolo italiano.

Anche le matricole, che forse non conoscono nessuno e hanno bisogno di una casa, vengono escluse perché lə proprietarə lə ritengono immaturə.

Chi cerca 4 muri dentro cui vivere, non se ne può trovare uno davanti per qualche stupido motivo, l'università di Padova dovrebbe essere un'università aperta, multiculturale, che dia un respiro di Internazionalità alla città in cui si trova, accogliente per tuttə; non possiamo accettare che nostrə compagnə unviersitariə subiscano discriminazioni

Lo studio in sede non è un lusso, è un diritto

Non avendo una casa in cui stare, moltə studentə sono costrettə a stare in hotel, b&b o simili sistemazioni temporanee. Soluzioni come queste gravano sulle tasche e creano un clima di ulteriore instabilità e sfiducia.
Pesa inoltre il rincaro degli affitti, in proporzione il più grave di tutta Italia, e crea un ambiente sfavorevole per lə studentə che spesso rischiano di non potersi permettere di vivere in città. Il nostro diritto allo studio viene leso, l'università non deve essere per pochə, ma per tuttə


Graduatorie corsi ad accesso programmato

Le graduatorie per alcuni corsi a numero chiuso escono troppo tardi, costringendo lə studentə a muoversi tardi per cercare casa e ritrovarsi nei guai. Non ha senso iniziare a cercare casa prima di sapere se si è ammessə, e poi ci si ritrova in estrema difficoltà data la mancanza di disponibilità


Inoltre, per chi ne ha diritto, la borsa di studio è fondamentale. Il problema si presenta quando è necessario il discrimine tra fuori sede e pendolare. Ma finchè non si trova una casa, la propria posizione è indefinita.Il rischio è di arrivare in ritardo e non poter avere la borsa.



Mancanza di contratti  annuali


La scelta dell’università è una faccenda delicata. Ed essere costrettə a fare affitti di 3 o più anni non aiuta sicuramente a fare una scelta rilassata con la libertà di cambiare o reinventarsi. I proprietari di casa inoltre spesso non rispettano gli accordi presi, giocando sulla disperazione dellə studentə, cercando di guadagnarci il massimo possibile. 


Muoversi nel Caos

La ricerca di un alloggio è sempre più relegata ai gruppi facebook e telegram. Trovare un appartamento su questi gruppi richiede aggiornamento costanti delle pagine, nell’ordine dei secondi, per trovare annunci nuovi. I post sono commentati allo sproloquio e quelli di case già occupate non vengono rimossi, facendo ancora più confusione.

Trovare informazioni su contratti, canali dove trovare annunci ecc. è una grande impresa. L’università fornisce informazioni vaghe, senza dare un aiuto chiaro e concreto, manca un aiuto formativo da parte dell'università per lə studentə, che spesso non sanno come comportarsi

Abbiamo bisogno di essere vistə

Dall'inchiesta studentesca e dalle nostre analisi emerge in maniera estremamente importante un fatto: la componente studentesca non è una priorità. Lə studentə vogliono essere vistə, vogliono che il loro disagio sia palese, abbiamo lanciato una campagna di sensibilizzazione sull'importanza ed il ruolo dellə, studentə. Unisciti a noi, rompi il silenzio!